.
Annunci online

ANDATE TUTTI A VOTARE!!!!
post pubblicato in diario, il 7 giugno 2011
LA STECCA di INDRO
post pubblicato in LA STECCA DI INDRO, il 23 dicembre 2010

Anche quando avremo
messo a posto tutte le
regole, ne mancherà
sempre una: quella che
dall’interno della sua
coscienza fa
obbligo a ogni
cittadino di
regolar si
secondo le
regole.


continua

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. regole montanelli

permalink | inviato da White Wolf il 23/12/2010 alle 8:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
I FONDI DELLA BANCA RASINI
post pubblicato in LA STECCA DI INDRO, il 21 settembre 2010

 

 
 

Forse non sapeva che si trattava di denaro della mafia, ma l’origine della sua fortuna non si spiega in altro modo. Era di famiglia modesta. Suo padre era impiegato alla Banca Rasini.

Anni prima che lui comparisse, questa banca era già sospettata di riciclare dei fondi di dubbia origine. Berlusconi non ha mai voluto dire da dove erano venuti i miliardi di Milano 2.

INDRO MONTANELLI

          Intervista a Le Monde,

                           8 maggio 2001

 


continua

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. mafia montanelli

permalink | inviato da White Wolf il 21/9/2010 alle 8:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
LA STECCA DI INDRO
post pubblicato in LA STECCA DI INDRO, il 6 marzo 2010
Che Berlusconi si prepari a rinnovare i quadri dirigenti della Rai dopo la vittoria del 13 maggio, come fece anche quando fu presidente nel ’94 e come disfecero i suoi successori quando toccò a loro (...), è nelle regole. Altrettanto nella regola non è che a impadronirsi delle tre reti Rai sia il detentore delle tre reti private, uniche loro concorrenti. O mi sbaglio?

INDRO MONTANELLI

Corriere della Sera,
10 maggio 2001

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. montanelli reti

permalink | inviato da White Wolf il 6/3/2010 alle 13:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
ROBA DA BULGARIA
post pubblicato in LA STECCA DI INDRO, il 16 dicembre 2009

Non credo che l’en plein elettorale riportato da Berlusconi in Sicilia (sessantun candidati, sessantun eletti: roba da Bulgaria degli anni di Dimitrov) sia un prodotto della mafia. Ma che la mafia ora lo presenti come un prodotto suo: questo sì, ci credo, e credo anche che non tarderà a presentarne il conto ai beneficiari, ammesso che non abbia già cominciato.

La stanza di Montanelli,

31 maggio 2001

TRATTA DA:

"IL FATTO QUOTIDIANO"

DEL 16/12/09


continua

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi bulgaria montanelli

permalink | inviato da White Wolf il 16/12/2009 alle 11:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
FATE UN MONUMENTO A BOSSI - LA STECCA DI INDRO
post pubblicato in LA STECCA DI INDRO, il 7 dicembre 2009
«Verrà il giorno in cui, se non una statua equestre, almeno un busto a “Umberto Bossi Padre della Patria” dovranno scoprirlo. (...) Chi, se non lui, poteva far rinascere in noi un sentimento di tenerezza filiale per questa Patria (...)? Podi e megafoni bisogna fornire a Bossi per aiutarlo a diffondere i suoi vaccini e a spargere palate di letame, che rimane pur sempre il più efficace dei fer tilizzanti, su questo timido bocciolo di Patria che, grazie a lui e ai suoi svarioni di storia, grammatica e sintassi, ha  ricominciato a germogliare Bossi? Fategli un monumento.

INDRO MONTANELLI
«Corriere della sera»
12 giugno
1996

TRATTO DAL "FATTO QUOTIDIANO"
DEL 6/12/09

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. bossi montanelli monumento

permalink | inviato da White Wolf il 7/12/2009 alle 0:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
LA STECCA DI INDRO (4/12/09)
post pubblicato in LA STECCA DI INDRO, il 4 dicembre 2009
Questo centrodestra, il cui fascino consisteva soprattutto nell’essere un gruppo di forze benamalgamate e con una leadership ben sicura, non si dimostra così compatto come credevano gli italiani. E ha perso un po’ del suo sex appeal elettorale nei confronti di una sinistra che è ancora più sfasciata della destra. La sinistra non riesce a trovare un punto di coesione e un personaggio che possa dire: “La rappresento”. Sarà un’opposizione sgangherata che non condurrà assolutamente a nulla.

INDRO MONTANELLI
Telemontecarlo,
2 giugno 2001

TRATTO DA:
"IL FATTO QUOTIDIANO"
DEL 4/12/09




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. MONTANELLI INDRO BERLSCONI SINISTRA

permalink | inviato da White Wolf il 4/12/2009 alle 13:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
LA STECCA DI INDRO DEL 2/12/09
post pubblicato in LA STECCA DI INDRO, il 2 dicembre 2009
Berlusconi è entrato in politica come proprietario, tra l’altro, di un’azienda per la quale gli sono stati offerti 7 mila miliardi. Se abbia fatto bene a rifiutarli, non lo so. Ma che ora faccia male a usare la carica pubblica di capo dell’opposizione per contestare alla giustizia la facoltà di rovistare in questaimponente montagna d’interessi privati per vedere se vi sono tracce di corruzioni e malversazioni questo lo so con sicurezza.

Oggi, 15 aprile 1998
INDRO MONTANELLI

TRATTO DA
"IL FATTO QUOTIDIANO"
DEL 2/12/09


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. montanelli berlusconi

permalink | inviato da White Wolf il 2/12/2009 alle 17:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
LA STECCA DI INDRO (29/11/09)
post pubblicato in LA STECCA DI INDRO, il 30 novembre 2009
Il giorno in cui (Berlusconi) disporrà di sei reti tv (tre di proprietà e tre della Rai), gli sarà facile farci vedere la luna a mezzogiorno e il sole a mezzanotte. (...) Prepariamoci a cinque anni di regime perché, più che un governo, quello del Cavaliere sarà un regime). Il primo anno sarà una festa. Poi... Ma questo poi riguarda voi giovani. Io e i miei coetanei siamo esentati dal porcene il problema. Auguri

Domande di Oggi,
«Oggi»,
20 settembre 2000.

TRATTO DA "IL FATTO QUOTIDIANO"
DEL 30/11/2009


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi mediaset rai raiset montanelli

permalink | inviato da White Wolf il 30/11/2009 alle 16:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
LA STECCA DI INDRO (27/11/09)
post pubblicato in LA STECCA DI INDRO, il 27 novembre 2009

Si può perdere bene e si può perdere male. Se va avanti così – se continua a lasciare sostanzialmente solo il suo candidato – la sinistra si avvia a perdere malissimo. Non è solo questione di stile, che pure conta. È questione di numeri. Se Berlusconi vince, dovrà fare. Se stravince, sarà tentato di strafare (lo conosco, e non ho dubbi). E di un  Berlusconi che si considera onnipotente, cari lettori, io faccio volentieri a meno. So che alcuni di voi sognano un personaggio del genere: e non posso farci niente, se non invitarli a leggere la storia d’Italia, e non soltanto quella di questo secolo.

La stanza di Montanelli,

Corriere della Sera,

17 aprile 2001

Tratto da "il fatto quotidiano"

del 27/11/09 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi comunisti montanelli

permalink | inviato da White Wolf il 27/11/2009 alle 11:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Montanelli: "L'Italia di Berlusconi è la peggiore mai vista"
post pubblicato in LA STECCA DI INDRO, il 14 aprile 2009
MILANO - Sembra essere diventato il nemico numero uno del Polo. Berlusconi gli dà del bugiardo e dell'ingrato, Fini lo descrive come l'ennesimo giornalista "strumentalizzato" dalla sinistra, i giornali della destra portano il suo nome nei titoli di testa in prima pagina. La sua "colpa" è il tradimento: ha dichiarato di votare per il centrosinistra, ha partecipato alla trasmissione di Santoro, dove - capo d'imputazione gravissimo - ha persino dato ragione alla ricostruzione fatta da Marco Travaglio sulle vicende del Giornale. Indro Montanelli ha risposto con le sue armi: un editoriale al veleno sul Corriere della sera in cui restituisce l'accusa di mendacio al Cavaliere, gli replica punto per punto e chiosa: "Chiagne e fotte, dicono a Napoli dei tipi come lui. E si prepara a farlo per cinque anni di seguito". Dopo l'articolo, da ieri mattina il suo telefono non ha fatto che suonare.

"La cosa più impressionante - racconta Montanelli - sono state le telefonate anonime. Ne sono arrivate cinque una dopo l'altra, tre delle quali di donne. Non so chi avesse dato loro il mio numero, che è assolutamente introvabile. Dicevano tutte la stessa cosa: delle invasate che urlavano: lei che per vent'anni ha mangiato alla mensa di Berlusconi! Io, capirai? Come se io fossi stato mantenuto da Berlusconi".

Insomma, siamo alle minacce.
"Veramente la scoperta che c'è un'Italia berlusconiana mi colpisce molto: è la peggiore delle Italie che io ho mai visto, e dire che di Italie brutte nella mia lunga vita ne ho viste moltissime. L'Italia della marcia su Roma, becera e violenta, animata però forse anche da belle speranze. L'Italia del 25 luglio, l'Italia dell'8 settembre, e anche l'Italia di piazzale Loreto, animata dalla voglia di vendetta. Però la volgarità, la bassezza di questa Italia qui non l'avevo vista né sentita mai. Il berlusconismo è veramente la feccia che risale il pozzo".

Lei sembra veramente spaventato.
"No, spaventato no: piuttosto sono impressionato, come non lo ero mai stato. Va bene, mi dicevo, succede anche questo: uno dei tanti bischeri che vengono a galla, poi andrà a fondo. Ma adesso sono davvero impressionato, anche se la mia preoccupazione è molto mitigata dalla mia anagrafe. Che vuole, alla mia età preoccuparsi per i rischi del futuro fa quasi ridere".

Ma lei è sicuro che la partita elettorale sia già giocata? Il centrosinistra non ha nessuna possibilità di battere Berlusconi?
"Guardi: io voglio che vinca, faccio voti e faccio fioretti alla Madonna perché lui vinca, in modo che gli italiani vedano chi è questo signore. Berlusconi è una malattia che si cura soltanto con il vaccino, con una bella iniezione di Berlusconi a Palazzo Chigi, Berlusconi anche al Quirinale, Berlusconi dove vuole, Berlusconi al Vaticano. Soltanto dopo saremo immuni. L'immunità che si ottiene col vaccino".

Lei, Montanelli, oggi è diventato il problema politico principale del centrodestra. Da qualche giorno il suo nome è al centro delle dichiarazioni degli uomini del Polo.
"E' strano: io non avevo mai preso parte alla campagna di demonizzazione: tutt'al più lo avevo definito un pagliaccio, un burattino. Però tutte queste storie su Berlusconi uomo della mafia mi lasciavano molto incerto. Adesso invece qualsiasi cosa è possibile: non per quello che succede a me, a me non succede nulla, non è che io rischi qualcosa, è chiaro. Quello che fa male è vedere questo berlusconismo in cui purtroppo è coinvolta l'Italia e anche tante persone perbene.".

Tutta questa polemica è nata dal programma di Luttazzi. Lei vede programmi di satira politica in televisione? Come li giudica?
"Ne vedo, come no. Beh: l'unico modo per combattere questa cosa è la satira. Che sia sempre fatta bene però non direi, molto spesso è volgare anche quella. Ma forse è peggiore la facilità, la spontaneità con cui Berlusconi mente, e con cui le sue menzogne, a furia di ripeterle, evidentemente vengono bevute dagli altri. Lui racconta a modo suo la fine della mia direzione al Giornale, il giorno dopo la mia uscita, quando non ho potuto certamente influire più sulla stesura della cronaca. Paolo Granzotto scrisse un resoconto di come erano andate le cose. Ecco: andatevi a rileggere quella cronaca, coincide esattamente con le cose come le ho raccontate io. Berlusconi sostiene che io ero al Giornale sognando di farne un altro: non sta né in cielo né in terra. Questa menzogna è semplicemente una scemenza: quanta volgarità, quanta bassezza".

(26 marzo 2001)

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi montanelli

permalink | inviato da White Wolf il 14/4/2009 alle 15:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Sfoglia maggio        luglio